Cosa
  • Cimiteri
  • Kasherut e servizi
  • Musei e Memoriali
  • Quartieri Ebraici
  • Sinagoghe
Dove

Fu fondata nella seconda metà del Cinquecento dal gruppo di origine iberica stabilitosi a Pesaro sin dall’inizio del secolo. Finanziata dal banchiere filantropo Mordekhay Volterra, la sinagoga accolse studiosi e figure di alto livello, come il medico e trattatista Amato Lusitano e il fratello, poeta e letterato, Didaco Pirro.

Come consuetudine all’epoca nessun elemento esteriore comunicava la presenza della sinagoga. L’aula, collocata al primo piano è servita dal portoncino centrale su via delle Scuole; quello laterale conduce alla galleria a doppio ordine destinata alle donne, con affaccio lungo la parete maggiore della sala. L’aula, in disuso e in condizioni di degrado e pericolo, fu smantellata. Parte degli arredi furono trasferiti in altre comunità. Nel 1970 l’aron e la balaustra della tevah, in legno scolpito e dorato, eseguiti nel 1708 dalla bottega di Angelo Scoccianti, furono rispettivamente ricollocati nel nuovo tempio di Livorno e nella sinagoga levantina di Ancona; le grate dei matronei sono a Gerusalemme. Nella sala, oggi restaurata e utilizzata per manifestazioni culturali, rimane riconoscibile lo schema planimetrico bifocale. Sulla parete orientale si riconosce il profilo dell’aron rimosso; sulla parete opposta, l’imponente struttura della tevah, sovrastante l’ingresso della sala. In cima alle due scale che servono il palco, due trompe-l’oeil ottocenteschi, inquadrati da finte finestre, alludono al Tempio di Gerusalemme e alla Tenda dell’Adunanza (soggetti reinterpretati in un paesaggio locale). Si notino i tralci di quercia fra gli stucchi della volta a lacunari: sono forse un omaggio della comunità ai duchi Della Rovere. Fra i servizi ancora conservati al piano terreno, il miqveh e il forno per le azzime pasquali.

 


 

Via delle Scuole 25

Informazioni:
biglietteria Musei Civici
Tel. +39 0721 387541
http://www.pesarocultura.it/index.php?id=10490
Orari:
giugno – settembre: ogni giovedì dalle 17 alle 20;
ottobre – maggio: ogni terza domenica del mese, dalle 10 alle 13
Non occorre prenotazione

Su richiesta visite guidate fuori orario per gruppi (info e prenotazioni: call center 199 151 123)
Per scuole (info e prenotazioni: numero verde 800 96 19 93); max 40 persone
Chiuso nei giorni di festività ebraica
Ingresso gratuito
Non accessibile per visitatori a mobilità ridotta