Cosa
  • Cimiteri
  • Kasherut e servizi
  • Musei e Memoriali
  • Quartieri Ebraici
  • Sinagoghe
Dove

Dopo l’espulsione da Parma e Piacenza, il duca Ottavio Farnese concesse agli ebrei del proprio territorio di trasferirsi e aprire banchi di prestito in alcune località delle campagne circostanti. Da allora, un insediamento ebraico rimase a Soragna senza interruzione, vivendo condizioni per lo più tranquille sotto governo dei marchesi Meli Lupi. Nel 1584 questi concessero l’acquisto di un terreno per le sepolture e dell’edificio dove tuttora ha sede la sinagoga . L’attuale configurazione del fabbricato, tuttavia, si deve in massima parte ad una grande ristrutturazione conclusa nel 1855. Al primo piano, l’aula sinagogale: un ampio ambiente di gusto neoclassico, con pareti ritmate da lesene trabeate e coperto da una volta affrescata, opera del pittore ebreo bussetano Giuseppe Levi. Come molte sinagoghe coeve, riflette un’assimilazione al modello delle chiese cattoliche: la tevah è posta dinanzi all’ aron e i banchi per il pubblico, allineati e rivolti ad essa, riempiono lo spazio centrale.

Alla fine degli anni ‘70, il presidente della Comunità ebraica di Parma Fausto Levi volle raccogliere intorno alla sinagoga documenti e ricordi delle piccole comunità oramai estinte, esistite nelle campagne parmensi e piacentine. Ne nacque un’esposizione di grande valore, al tempo stesso testimoniale e didattico. Diversi i temi nel percorso: dagli insediamenti ebraici della regione e dell’intera penisola, alla vita ebraica nel quotidiano e nelle ricorrenze. Una sala ripercorre gli anni della persecuzione razziale della Shoah. Fra i pannelli didattici, sono esposti oggetti appartenuti a Simone Samuel Spritzman, sopravvissuto alla deportazione, che tenne note relative a tutte le persone incontrate durante la prigionia. Sono poi ricordate le sinagoghe del territorio, con la ricollocazione di arredi originali; in esposizione, anche testi di studio e di preghiera, e i Rotoli della Legge, con pregiati addobbi in tessuto e argento. Di grande interesse la collezione di ketubboth esposta nel matroneo.

 


 

Via Cavour, 43

Contatti:
Tel. +39 0524 599399
e-mail: http://www.museoebraicosoragna.net/contatti.html
www.museoebraicosoragna.net

Orari:
Da marzo a ottobre
martedì-venerdì
10.00/12.00 – 15.00/17.00.
Domenica: 10.30/17.30.
Chiuso lunedì, sabato e festività ebraiche.
Da novembre a febbraio è aperto per gruppi su prenotazione.

È sempre necessario prenotare la visita per i gruppi / gruppi scolastici maggiori di 10 persone.

È possibile richiedere la visita guidata in inglese previa prenotazione.
Visita sinagoga e museo: 45 minuti
Visita sinagoga: 20 minuti

Parte dell’esposizione museale è al piano terra, con un gradino all’accesso.
La sinagoga è al primo piano senza ascensore.